Mondo Monocromatico

Salone del mobile 2002

A Milano pezzi unici da tutto il mondo, in tutti i materiali, ognuno di un colore solo. Chi nei giorni del Salone del Mobile ha varcato la soglia di tappeticontemporanei, in via San Carpoforo 1, è entrato in un mondo incantato; un luogo quasi impossibile in cui è riunito un insieme di tappeti mai visti, per “mondo monocromo”, una rassegna di pezzi unici del tutto etereogenei per provenienza e per materiali, ma tutti imparentati da una caratteristica inconsueta: la monocromia.

A ogni tappeto un solo colore, e a ogni colore un tappeto: bianchi, viola, gialli, rossi, aranci, verdi o neri, si tratta di venti esemplari originali, provenienti da India, Nepal, Turchia, Marocco e Iran. Un giro del mondo che si riflette anche nella varietà di materiali utilizzati: dalla lana alla viscosa, passando per i pellami e la carta.

“Mondo monocromo” ha rappresentato l’esordio nel calendario delle manifestazioni Fuori Salone per tappeticontemporanei il negozio/showroom aperto nel 2000 da Lilli Moro e Ezio Grassi e diventato il punto di riferimento milanese per chi cerca qualcosa che vada oltre il classico kilim (o affini): qui tutti i tappeti sono interamente realizzati a mano, anche su disegno originale e la tradizione, pur rispettata, lascia spazio alla ricerca e all’innovazione.